Archivio news 22/09/2019

Campionati Italiani OPEN - Al Castellaro lo scudetto numero 107

CAMPIONATI ITALIANI OPEN

SABATO 21 E DOMENICA 22 SETTEMBRE

 

SERIE A MASCHILE

AL CASTELLARO LO SCUDETTO 107, CAVAION CEDE LO SCETTRO

IN CODA FESTEGGIA IL GUIDIZZOLO, CAVRIANESE IN SERIE B

 

SERIE A FEMMINILE

A MONTECHIARO D’ASTI SI CONFERMA LA TIGLIOLESE

 

SERIE B MASCHILE

CASTIGLIONE CONQUISTA IL TITOLO ITALIANO

DOSSENA SALUTA LA B

 

SERIE C e D

IN C MALAVICINA E MAZZUREGA PROMOSSE IN B

IN D FINALISSIMA SOMMACAMPAGNA-TRE CIME DEL BONDONE

 

 

Articolo di Giovanni Crosato - Foto la Gazzetta di Mantova

Serie A maschile

Si é chiuso nella serata di ieri il massimo campionato open che ha assegnato al Castellaro lo scudetto numero 107, al termine di una lungo e avvincente testa e testa con il Cavaion che ha caratterizzato tutta la stagione e che ci regalerá spettacolo anche domenica prossima con la Supercoppa e il mercoledí successivo con la conclusione della Coppa Europa, sempre a San Pietro in Cariano, sospesa per oscuritá a luglio in terra francese.

Anche ieri sullo sferisterio di Cavaion é stata battaglia e spettacolo, nella sfida che nelle ultime stagioni ha contraddistinto i massimi traguardi  del nostro sport. Se lo scorso anno era servito addirittura lo spareggio per assegnare il titolo, quest’anno si é arrivati al match decisivo con le due squadre appaiate a quota 58 punti, a conferma dell’equilibrio che anche in questo 2019 ha regnato tra i due team. Nei due precedenti stagionali la compagine mantovana aveva sempre avuto la meglio sui veronesi, sia nella gara di andata in campionato che nella finalissima di Coppa Italia di Guidizzolo, dove sempre si era usciti da un primo set finito all’ultimo quindici del 40 pari, seguito poi da un secondo gestito piú agevolmente dal Castellaro.

Anche ieri poco é cambiato, con il team diretto da Luca Baldini partito meglio rispetto al solito e capace di conquistare i primi due games, subito impattati peró dal Cavaion che rimaneva agganciato fino al 3 pari. Primo set combattuto e di rara intensitá, con nessuna delle due squadre a cedere terreno, ma il Castellaro, confermando di avere qualcosa in piú inanellava una serie di tre giochi consecutivi, l’ultimo sul 40 pari e portava a casa la prima frazione per 6-3, dopo 3 ore di gioco. Sulle ali dell’entusiasmo, l’inizio del secondo set di Manuel Festi e soci, sotto la luce artificiale, era devastante, tanto che subito si avvantaggiavano per 3-0. I veronesi provavano a stare agganciati, invertendo anche i ruoli di Pierron e Marchidan e grazie a due 40 pari conquistati accorciavano sul 4-2. Il finale era peró tutto di marca castellarese che chiudeva 6-2, iscrivendo il proprio nome nella casella dello scudetto numero 107, il quarto nella storia della societá mantovana, che cosí porta a casa una storica doppietta avendo conquistato anche in questa annata sportiva scudetto e Coppa Italia di serie A indoor e scudetto e Coppa Italia di serie A open.

Complimenti davvero a tutti per l’ennesimo spettacolo offerto, e la certezza di aver trovato due nuovi campioni per il nostro sport, Alessandro Merighi da una parte e Luca Marchidan dall’altra, ed ora appuntamento a domenica 29 settembre, sul campo di San Pietro in Cariano, con in palio tra Castellaro e Cavaion la Supercoppa.

In coda festeggia il Guidizzolo che grazie al successo ottenuto sul fanalino di coda Cereta e alla contemporanea sconfitta della Cavrianese a Chiusano si conferma nella massima serie. Dopo anni di permanenza, saluta cosí la serie A la societá del Presidente Oscar Tondini, pronta comunque giá da prossimo anno a tentare la risalita.

Negli altri incontri chiude con una vittoria il Solferino che espugna il campo del Cremolino e rimane quindi al quinto posto il Sabbionara nonostante la sconfitta patita in casa contro il Ceresara.

A chiudere, al termine di una bella lotta, il successo di misura del Sommacampagna in casa contro l’Arcene.

 

Serie A femminile

Nel pomeriggio di sabato assegnato invece a Montechiaro d’Asti - organizzato dalla Federazione Italiana Palla Tamburello, in collaborazione con la societá Rilate presieduta da Giuseppe Bonanate, con il Comitato Regionale Piemonte e il Comitato Provinciale di Asti - lo scudetto femminile, con la Tigliolese che si é confermata regina grazie alla vittoria ottenuta nel derby contro la Monalese.

La compagine diretta da Mimmo Basso ha dimostrato ancora la superioritá giá emersa nella doppia sfida in campionato, anche se, soprattutto nel secondo set, le vice campionesse d’Europa hanno dovuto soffrire e non poco per rimontare la Monalese ed evitare la “lotteria” del tie break. 6-3, 6-5 il risultato finale,  di un incontro ben interpretato da entrambe le parti.

Al termine dell’incontro le premiazioni, alla presenza del Presidente del Comitato Regionale Piemonte Roberto Gino, del Presidente della Commissione Tecnica federale Roberto Caranzano, del Consigliere federale delelgato all’attivitá femminile Alessandra de Vincenzi, del Presidente del Comitato provinciale di Asti Mimmo Basso, e a fare gli onori di casa il Sindaco di Montechiaro d’Asti Paolo Luzi. Al termione della finale scudetto, il pomeriggio é proseguito con la disputa del Memorial Nazario Tirico.

Sabato prossimo a Valle San Felice, in provincia di Trento, in programma la Supercoppa: in mattinata alle 10 in campo la serie B con lo scontro Segno-Ceresara, mentre nel pomeriggio la Tigliolese attende il Dossena.

L’Albo d’Oro della serie A vede il Negarine primeggiare con sei scudetti (dal 1987 al 1992), seguito dal Sabbionara (dal 2011 al 2015) e dal Callianetto con cinque (dal 2004 al 2008, il primo Callianetto Chiusano, l’ultimo Callianetto Torino). A quota tre il Rallo (1981-1982-1983), l’Aurora Seriate (1984-1985-1986), l’Aldeno (1993-1994-2001) e l’Alegra Settime (2010-2016 e 2017 ). Due per il Chiusano (1999-2000), per Bergamo (2002-2003), per l’Asti 93 (1995-1996)e per la Tigliolese (2018-2019). Uno per la Pro Loco Settime (2009), il Negrar (1997) e il Castello di Cortanze (1998).

Per quanto riguarda i play out, ultimo e decisivo scontro salvezza tra Pieese e Cavrianese, con le mantovane che grazie alla vittoria ottenuta al tie break si confermano nella massima serie anche per il 2020. Saluta invece la Pieese.

 

Serie B maschile

Ultimo turno anche per la serie cadetta con il Castiglione che grazie ai tre punti - ne bastava solo uno per la matematica certezza - ottenuti contro il Fontigo conquista il titolo italiano di serie e guadagna anche il pass per la Supercoppa in programma sabato prossimo, contro il Castelli Calepio, sul campo di San Pietro in Cariano.

Vittoria anche per il Tuenno che in casa piega il Castelli Calepio. Nella lotta al tero posto finiscono appaiate Bardolino e Bonate Sopra che vincono rispettivamente di misura sul campo del Ciserano e con un doppio 6-5 contro il Palazzolo. Nella lotta per non retrocedere salvo il Settimo che espugna di misura Besenello e il Palazzolo che nonostante la sconfitta a Bonate Sopra rimane in serie B, visto il concomitante ko del Dossena, penultimo, sul campo del Noarna. Gli orobici salutano cosí dopo un solo anno la serie cadetta.

 

Serie C e D

Tempo di semifinali secche in campo neutro per la Serie C e D: in serie C a Bardolino Malavicina-Salvi, a Bonate Sopra invece Tigliolese-Mazzurrega. Alla fine nella prima sfida vittoria del Malavicina che torna cosí dopo due anni nella serie cadetta, cosí come il Mazzurega che travolge la Tigliolese e torna anche1esso in serie B dopo alcuni anni in C. Finalissima per il titolo italiano prevista il prossimo 6 ottobre sul campo di Bardolino. Detentrice del titolo la veronese Arbizzano.

In serie D a Cavriana vittoria al tie break del Sommacampagna che piega la bergamasca Sotto il Monte, mentre a Cavalcaselle la trentina Tre Cime del Bondone sconfigge l’altra orobica Pontirolo. Anche qui le vincenti si affronteranno sabato 5 ottobre nella finale per il titolo, verosimilmente in Provincia di Mantova, per succedere nell’Albo d’Oro all’Arcene.

 

Risultati sabato 21 e domenica 22 settembre

Serie A maschile – Ultima giornata di ritorno – domenica 22 settembre ore 15

Chiusano-Cavrianese (Arbitri: Gazzetta, Artuffo, Curcio) 2-0 (6-3, 6-2)

Guidizzolo-Cereta (Bonini, Vicari, Sogliani) 2-0 (6-2, 6-1)

Sabbionara-Ceresara (Arbitri: Caliaro, Viviani, Fraccaroli) 0-2 (2-6, 3-6)

Cremolino-Solferino (Arbitri: Garetto, Garibaldi, Pastore) 0-2 (5-6, 1-6)

Cavaion-Castellaro (Arbitri: Tavernini, Bressan, Agnoli) 0-2 (3-6, 2-6)

Sommacampagna-Arcene (Arbitri: Teli, Assoni, Paganelli) 2-1 (6-3, 4-6, 8-5) 

Classifica

Castellaro p.61 – Campione d’Italia

Cavaion p.58

Solferino p.51

Arcene p.44

Sabbionara p.32

Cremolino p.31

Ceresara p.29

Chiusano p.27

Sommacampagna p.24

Guidizzolo p.19

Cavrianese p.16 – retrocessa in serie B

Cereta p.4 – retrocessa in serie B

 

Serie B Maschile – Ultima giornata di ritorno – domenica 22 settembre ore 15

Ciserano-Bardolino (Arbitro: Gambirasio) 1-2 (6-4, 3-6, 4-8)

Castiglione-Fontigo (Arbitro: Pedrali) 2-0 (6-3, 6-2)

Tuenno-Castelli Calepio (Arbitro: Negherbon) 2-0 (6-3, 6-4)

Noarna-Dossena (Arbitro: Frasnelli) 2-0 (6-4, 6-2)

Bonate Sopra-Palazzolo (Arbitro: Legnani) 2-0 (6-5, 6-5)

Besenello-Settimo (Arbitro: Formolo) 1-2 (6-1, 4-6, 3-8)

Classifica

Castiglione p.57

Tuenno p.54

Bardolino e Bonate Sopra p.40

Ciserano p.39

Castelli Calepio p.32

Noarna p.30

Fontigo p.29

Settimo p.24

Palazzolo p.22

Dossena p.21

Besenello p.8

 

Serie A Femminile – Finalissima – sabato 21 settembre ore 15

Campo di Montechiaro d’Asti – Tigliolese-Monalese (Arbitri: Accornero, Bussa, Artuffo) 2-0 (6-3, 6-5)

Tigliolese Campione d’Italia

Play Out – Ultima giornata – domenica 22 settembre ore 15

Pieese-Cavrianese (Arbitro: Carlevaro) 1-2 (3-6, 6-3, 3-8), riposa San Paolo d’Argon

Classifica

San Paolo d’Argon p.5,

Cavrianese p.3,

Pieese p.1 (retrocessa in Serie B)

 

Serie C – Semifinali – sabato 21 settembre ore 15

Campo di Bardolino – Malavicina-Salvi (Arbitro: Sperotto) 2-0 (6-5, 6-3)

Campo di Bonate Sopra – Tigliolese-Mazzurega (Arbitro: Paganelli) 0-2 (3-6, 2-6)

Malavicina e Mazzurega promosse in serie B

 

Serie D – Semifinali – sabato 21 settembre ore 15

Campo  di Cavriana – Sotto il Monte-Sommacampagna (Arbitro: Bonini) 1-2 (5-6, 6-4, 5-8)

Campo di Cavalcaselle – Pontirolo Nuovo-Tre Cime del Bondone (Arbitro: Sona) 0-2 (5-6, 2-6)